Viaggio Nel Mondo

Filicudi

isole-Eolie - Filicudi

© Barb Mayer

Filicudi condivide con la vicina Alicudi l’aspetto a prima vista ostile, la bellezza selvaggia e antica, come ferma nel tempo. Più abitata e leggermente più mondana rispetto ad Alicudi, con qualche ristorante per passare le serate, rimane un’isola di grandissima tranquillità e di pace.

Poco più di duecento abitanti, Filicudi è la quinta isola per dimensioni dell’arcipelago eoliano. Rocciosa e priva di fonti d’acqua, con tre vulcani spunti, gode del fascino di una terra fortemente legata alla sua storia, che ha radici profonde testimoniate dai notevoli reperti archeologici. Capo Graziano e Piano del Porto sono infatti siti di scavo importanti, in cui sono visibili tutt’ora i resti di villaggi risalenti all’età del bronzo.

Ma le tradizioni di Filicudi si respirano soprattutto nelle mulattiere che ne attraversano l’entroterra, profumato di ginestre e dei fiori della macchia mediterranea. Non tanto un’isola di pescatori ma di contadini e prodotti come i famosi capperi dell’isola e i fichi d’india, le cui piante caratterizzano la vegetazione. E la presenza degli asini che pascolano per le sue campagne.

Filicudi Porto e altri villaggi

Poche case in piccoli gruppi: questo sono i centri abitati dell’isola di Filicudi. Filicudi Porto è dotata di servizi e bancomat. Passeggiare tra le sue case basse e un po’ dimesse permette di passare una piacevole serata in un’atmosfera pacifica e persa nel tempo. Magari durante una delle tipiche limpide serate eoliane, illuminate dalla luna e dalle stelle.

Da vedere l’antico insediamento di Val di Chiesa, centro religioso e tradizionale dell’isola, e Pecorini Mare, un piccolo borgo tra mare e pendici montagnose dell’isola, che ospita il Saloon, locale modaiolo dell’isola.

Le spiagge e il mare

L’isola possiede alcune spiagge di ciottoli arrotondati. Bellissima quella della località Le Punte, che si raggiunge a piedi dal molo del porto. Famosa anche Pecorini Mare, nella cornice della pittoresca frazione da cui prende il nome. Tranquille e meravigliose le calette di Punta Zotta, nelle vicinanze del faro dell’isola.

Da visitare anche i fondali dell’isola, che nascondono segreti, reperti e antichi relitti, protetti dall’intendenza archeologica. Filicudi è isola di leggende, come quella della Sirena Amanda che ne abita i mari. Da non perdere Grotta del Bue Marino, dal fondale blu cristallino, il luogo turistico più famoso di Filicudi.

Per immersioni, corsi e noleggio di attrezzatura subacquea ci si può rivolgere al Centro Diving Apogon.

Dove dormire

» Hotel La Canna
» Villa La Rosa
» A Tana
» Segnala un alloggio a Filicudi, scrivendo a sicily@viaggionelmondo.net

,